Come fare: la tabella dei commenti nel database di WordPress si è corrotta

Tra le varie cose che ogni tanto succedono a questo blog e di cui, talvolta con enorme ritardo, mi accorgo, stavolta è capitata la seguente: le tabelle wp_comments e wp_commentmeta nel database mysql collegato al blog si erano corrotte.

Il problema si manifestava nei modi seguenti:

  • nessun commento visibile in alcun articolo, o nella pagina commenti della bacheca;
  • nonostante questo, il counter dei commenti alla fine di ogni articolo mostrava il numero giusto;
  • impossibilità di inserire un nuovo commento, con la visualizzazione del seguente errore: “Catchable fatal error: Object of class WP_Error could not be converted to string“;
  • nella pagina di gestione del database mysql, le tabelle wp_comments e wp_commentmeta appaiono etichettate come “in use“, ma non è possibile visualizzarne i contenuti o modificarne la struttura, con la visualizzazione del messaggio “Table marked as crashed“.

La soluzione consiste nell’effettuare un repair manuale delle tabelle corrotte. Prima di procedere consiglio di effettuare un backup delle tabelle stesse nel caso in cui qualcosa andasse storto (ed effettivamente il backup si riesce a fare, il file sql che ho scaricato sul mio computer era di circa 10 MB). Successivamente si può procedere al repair manuale eseguendo il comando “table repair nometabella;“; nel mio caso ho potuto farlo dal pannello di gestione del database, ma credo che, se si ha accesso a phpMyAdmin per il sito, esista una funzione per eseguire questa operazione senza dover ricorrere alla riga di comando.

500 Internal Server Error e WordPress 4.2.4

Recentemente la versione di WordPress che fa girare questo blog si è automaticamente aggiornata alla 4.2.4. Tutto funzionava normalmente eccetto le pagine di amministrazione, alcune delle quali non venivano visualizzate e producevano l’errore 500 Internal Server Error. Queste pagine erano la pagina di login a wp-admin, la pagina dei plugin installati e di aggiunta di un nuovo plugin. Stranamente, il log di errori del server (Linux, hostato da Aruba) era vuoto.

Una ricerca su Google ha mostrato una serie di possibili soluzioni al problema, tra cui:

  • la rimozione del file .htaccess;
  • l’aumento della memoria php tramite la creazione di file php.ini;
  • un cambio di tema;
  • la rimozione di ogni plugin dalla relativa cartella con la successiva disattivazione automatica di ogni plugin al successivo accesso al pannello di amministrazione.

Nessuna di queste soluzioni mi ha permesso di risolvere completamente il problema. La rimozione dei plugin mi ha permesso di effettuare il login al pannello di amministrazione, ma la pagina per l’installazione di nuovi plugin continuava a generare lo stesso errore. Inoltre, ogni tentativo di riattivare i plugin singolarmente per individuare quello potenzialmente problematico non era possibile in quanto una qualsiasi subfolder presente nella cartella plugins produceva nuovamente l’errore 500.

Alla fine, quasi per caso ho scoperto che la soluzione consisteva nel cambiare la versione php che faceva girare il sito, accedendo al pannello di controllo dell’hosting. Ho cambiato la versione da 5.2.17 ad una 5.3 e tutto si è “magicamente” risolto!

NDR: assicuratevi SEMPRE di avere un backup funzionante del vostro blog..!

WordPress: Image has failed to upload due to an error

Oggi stavo aggiornando un sito internet basato su WordPress. Nello specifico stavo caricando una grande quantità di immagini che sarebbero poi state usate all’interno del sito. Inspiegabilmente – o almeno io un motivo non l’ho trovato – WordPress ha improvvisamente smesso di caricare le immagini, restituendo il seguente errore:

Image has failed to upload due to an error.

Da questo punto in poi WordPress si è rifiutato di voler caricare qualsiasi tipo di file.

Pur non essendo riuscito a capire quale fosse il problema (i permessi per la cartella uploads erano corretti), la soluzione che per me ha funzionato è stata creare una nuova cartella uploads nella directory principale e trasferirci dentro il contenuto della vecchia cartella.

Novità sul blog: offrimi un caffè e anteprime in homepage

Di tanto in tanto apporto cambiamenti al blog ma ogni volta che lo faccio mi piace sempre scrivere cos’ho fatto e perché, soprattutto quando il cambiamento influenza la vostra navigazione all’interno del sito :)

Ebbene sì, come vi avevo già anticipato tempo fa, la novità questa volta consiste nell’introduzione del famigerato link “offrimi una birra” alla fine di ogni articolo e nella barra laterale (non ancora), opportunamente modificato considerato che a) la birra non mi piace e b) mi accontento anche di molto meno! Quindi un caffè è sufficiente :) Esso va in parte a sovrapporsi a Google Adsense, che per ora rimarrà presente ma conto di poterne rimuovere gli odiosi bannerini quanto prima se qualche buona anima che ha trovato utili le informazioni lette su questo blog decide di supportarlo :) Tutto quello di cui avete bisogno è un mouse (con la relativa mano) per fare clic sulla tazzina che vedete in fondo ad ogni articolo ed un account Paypal.

Altra modifica che potreste aver notato è il fatto che ora nella homepage non sono più visibili gli articoli per intero, ma solo delle anteprime: per continuare la lettura è sufficiente cliccare sull’apposito link situato in fondo ad ogni anteprima (lo so, lo so, questo articolo è stato pubblicato per intero). I motivi che mi hanno spinto ad apportare questo cambiamento sono essenzialmente pratici: ci stanno più interventi in homepage, senza avere una pagina chilometrica. Se siete interessati a fare una cosa simile con il vostro blog wordpress, potreste trovare utile questo articolo che ho pubblicato pochissimo tempo fa! ;)

Per oggi da Southampton è tutto, rimanete sintonizzati!

WordPress: come mostrare solo parte di un articolo in homepage

Questo articolo dal titolo lunghissimo nasce in realtà per un motivo molto semplice: spiegarvi come fare in modo che sulla homepage del vostro blog WordPress compaia solo un estratto degli articoli, con un link per visualizzarli per intero. Forse sono solo io che ci ho messo una mezz’ora buona per capire come fare, ma questo processo è in realtà di una semplicità disarmante: basta usare il tag “more” al momento della scrittura di un articolo. (Giusto per farvi un esempio, in questo articolo inserirò il tag more dopo alla fine di questa frase.)

Continua a leggere »

WordPress non funziona dopo l’aggiornamento automatico?

Mi è capitato già due volte, e a quanto pare è un problema che è comune a tutti coloro che hanno scelto Aruba come servizio di hosting: dopo l’aggiornamento automatico di WordPress alla versione successiva diventa impossibile accedere al blog e nella maggior parte dei casi ci si ritrova con un fantastico “errore 500”. La soluzione c’è ed è in realtà molto semplice: è sufficiente riattribuire i diritti a tutti i files e a tutte le cartelle del nostro blog. Questo lo si può fare attraverso il client FTP, come ho fatto io, oppure dal pannello di controllo Aruba tramite la funzione “ripristina permessi”. Tutto qui :)

Per evitare che questo problema si ripresenti nuovamente in futuro, è sufficiente aggiungere queste due righe di codice al file wp-config del vostro blog:

define('FS_CHMOD_FILE',0755);
define('FS_CHMOD_DIR',0755);

da WordPressmania

Nuova skin!

Come vedete ho cambiato la skin, quella di prima non mi convinceva troppo :)

Un grazie a justskins.com per il loro lavoro – sul loro sito ci sono molti temi carini per i blog WP!

A presto

WordPress 2.5!

Installata la versione 2.5 di WordPress, e per ora sembra funzionare tutto a meraviglia! Completamente rinnovata l’interfaccia di amministrazione, e la prima impressione non è niente male… ora vedremo se anche a lungo termine è soddisfacente :)

Come vedete le novità non finiscono qui, ho aggiornato anche la skin… nei prossimi giorni se ho tempo provo ad usare l’editor dei temi per fare alcune modifiche che secondo me sono necessarie ;)

Notte notte gente!