La Bielorussia è un paese che sembra al tempo stesso lontano e vicino. Lontano perché si tratta di uno stato molto diverso da ciò a cui siamo abituati in Europa, trattandosi di una dittatura de facto dove non solo è ancora in vigore, ma viene regolarmente utilizzata la pena di morte, amministrato in modo per certi versi molto simile alla vecchia ed affascinante Unione Sovietica; vicino perché nonostante tutto questo si trova a pochi chilometri da noi, alle porte dell’Europa ed accanto alla Polonia ed alla Lituania. Proprio per questo motivo trovo che sia un paese molto interessante da visitare, in particolare la capitale Minsk, che negli ultimi anni ha fatto grandi sforzi per rendersi più accogliente, di concerto con una più generale apertura della Bielorussia nei confronti dell’Europa e dei suoi cittadini.

Questo articolo si propone di essere una breve guida alle formalità burocratiche da espletare per prepararsi ad un viaggio in Bielorussia, sfruttando la possibilità che abbiamo in quanto cittadini comunitari di entrare nel paese senza visto. Questo articolo è aggiornato al 30 maggio 2019, ma è bene sottolineare che tutte le informazioni sono date a scopo puramente indicativo e che è sempre buona cosa informarsi presso i canali ufficiali prima di intraprendere il viaggio.

Passaporto e visto

Passaporto e visto sono entrambi necessari, generalmente parlando. Recentemente è stata tuttavia introdotta una deroga che permette di entrare in Bielorussia senza visto se tutte le seguenti condizioni vengono rispettate:

  • si è cittadini europei;
  • il passaporto ha una validità residua di almeno 6 mesi;
  • ci si reca in Bielorussia per motivi di turismo;
  • si entra e si lascia il paese per via aerea volando esclusivamente da/per l’aeroporto di Minsk MSQ;
  • si permanga per un massimo di 30 giorni consecutivi, e per un massimo di 90 giorni totali all’anno.

Assicurazione sanitaria

L’assicurazione sanitaria è obbligatoria per l’ingresso in Bielorussia, con massimale non inferiore a 10000 euro e può essere stipulata direttamente all’arrivo in aeroporto a Minsk appena prima del controllo passaporti, sulla sinistra. E’ molto economica ed è accettato il pagamento con carta di credito. Non chiedetemi quanto sia affidabile come assicurazione se effettivamente succede qualcosa, forse se volete stare tranquilli è meglio stipulare un’assicurazione in Italia prima della partenza. Il controllo del ceritificato di assicurazione è effettuato di routine insieme al controllo del passaporto.

Denaro in contanti

Per entrare in Bielorussia bisogna essere in possesso di una somma di denaro minima, che può essere in rubli bielorussi o in qualsiasi altra valuta, di 2 “unità base” per giorno di soggiorno o 50 “unità base” per un soggiorno di 30 giorni (durata massima). Al momento un’unità base corrisponde a 24,5 BYN (rubli bielorussi). Il possesso di questa somma di denaro all’ingresso del paese non viene verificato di routine.

Entrare in possesso dei rubli bielorussi (BYN) non è così semplice come si potrebbe pensare, in quanto non vengono comunemente cambiati in banca data la volatilità della valuta. La cosa più semplice è quindi arrivare in Bielorussia con euro in contanti e poi cambiarli o prelevare direttamente i rubli dagli ATM disponibili in aeroporto.

Registrazione presso l’ufficio immigrazione

Per i soggiorni di durata superiore ai 5 giorni è necessario registrare la propria presenza presso l’ufficio immigrazione competente. Nel caso in cui si soggiorni presso un hotel, sarà la struttura stessa ad adempiere a quest’obbligo, mentre se si soggiorna in sistemazione privata è il cittadino straniero a doversi registrare in prima persona.

Post correlati

Offrimi un caffè!

Ti è piaciuto l'articolo? Le informazioni che hai letto ti sono state utili?
Clicca sulla tazza per offrimi un caffè e supportare questo blog!